La storiella del pesce!

Secondo appuntamento oggi, nell’ambito dei PCTO, con le studentesse della IV^ B LSU del Liceo E. Ainis di Messina. L’incipit odierno è stato caratterizzato dalla storiella del pesce. Una storiella – tratta dal romanzo “Questa è l’acqua” di D. F. Wallace – utile a far comprendere alle nostre care studentesse l’opportunità che i Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento possono rappresentare se approcciati con consapevolezza e approfondendone il loro significato.

Sostenere gli studenti nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro (come allora si chiamavano i PCTO) è stato uno degli obiettivi del progetto “Community for young”. Un progetto, grazie al quale, abbiamo modellizzato una metodologia formativa, in tema di scuola-lavoro, molto apprezzata dagli istituti scolastici nei quali l’abbiamo sperimentata. Non immaginavamo di dover curvare i nostri PCTO in un’ottica digitale, ma abbiamo accettato la sfida. Fare didattica a distanza non ci piace e vogliamo tornare presto in presenza, ma allo stesso tempo abbiamo capito che almeno un tentativo andava fatto. Per due evidenze: per non stare lontani per troppo tempo da uno dei luoghi a noi cari, la scuola, e per non perdere un aspetto fondamentale del nostro lavoro, il rapporto con gli studenti.

Ritornando alla storiella dei pesci, abbiamo fatto una scoperta importante. Sollecitate su come stanno affrontando la particolare situazione generata dal Covid una di loro ha risposto che rispetto all’inizio, dove tutto sommato la “reclusione” è stata superata bene, oggi invece è stanca di vivere chiusa in casa, perdendo momenti della gioventù che non recupererà più. La risposta di questa ragazza ci ha permesso di scoprire che è vero che loro, probabilmente, hanno bisogno dei nostri PCTO (lo scopriremo solo alla fine!), di sicuro siamo noi che non possiamo fare a meno del rapporto con loro per comprendere meglio chi siamo e come affrontare una realtà complessa come quella dei nostri giorni.

Una sfida indubbiamente altrettanto complessa, che vogliamo cogliere per essere protagonisti nella costruzione di nuovi spazi e nuovi luoghi di vera educazione per adulti e giovani.

Lascia un commento